Il mio biglietto da visita

mercoledì 10 agosto 2011

Sono malata di creatività!

Sono malata di creatività!Ebbene si, sono entrata nella fase dell'ammissione del proprio stato d'animo, quello in cui, dopo tanto negare, ci si rende conto e si accetta di avere un problema :)
Ho sempre sospettato di avere qualcosa che non andava, specialmente quando la mia dolce metà mi chiamava e mi chiama tutt'ora "allodola" per tutte quelle cosine che attiravano la mia attenzione; ma non parlo di vestiti, scarpe e gioielli come ogni donna che si rispetti, bensì di articoli per la casa, elettrodomestici per tagliare verdurine in modo particolare e soprattutto, materiale creativo.
Ho sempre provato una certa attrazione per tutti quei lavori fatti a mano che si vedevano in televisione, sedie di paglia, cestini, coperte, ecc. fatti magari da popolazioni indigene di paesi lontani e qualche anno fa ho cominciato a creare anche io e mi sono data prima al punto croce e poi al cucito.
Ho realizzato molti progetti, principalmente borse da donna di ogni genere e grandezza, ma anche articoli da bambino come copertine, sacchi nanna, portapigiama e oggetti per la casa, come centrotavola, portafazzoletti, ecc, ma sempre tutto in stoffa; ultimamente poi, ho scoperto una trasmissione televisiva, che pur esistendo da qualche anno, non avendo il digitale terrestre, io non conoscevo. Sto parlando di "Paint your life", avete presente? La fanno sul canale 31 del digitale  e tratta di creatività. Ogni giorno preparano più progetti per arredare una stanza della casa, in modo autonomo ed originale, usando varie tecniche e materiali. Beh ... la mia rovina!
Sto scoprendo un nuovo mondo fatto di pitture, legno, stencil e tanto altro.
Ogni cosa che vedo, la immagino modificata, ogni oggetto che guardo attira la mia attenzione e il mio cervellino si mette in moto. Con la mente comincio a viaggiare nella creatività, ad usare attrezzi che nemmeno ho, a tagliare, abbellire, modificare, riciclare, impreziosire.
Vorrei avere un laboratorio tutto mio, dove poter tenere ogni tipo di attrezzo per creare, creare e creare.
Insomma, tutto questo per dirvi che, nonostante io sia in ferie, non potendo andare al mare visto il troppo vento, sono entrata in un centro BricoCenter e ho fatto razzia.
Non  ho potuto comprare tutto quello che volevo purtroppo, ma quando sono uscita ho provato una sensazione ... mi sono vista già immersa in un mare di progetti.
Presto ci saranno delle novità; ultimamente mi sto muovendo come un sorcio, perchè come si dice: chi si ferma è perduto, quindi, continuate a seguirmi e saprete tutto.
Baci e alla prossima.

9 commenti:

  1. eeehhh!! come ti capisco!! anchio ho la tua stessa "malattia". mi capita spesso di sentirmi in estasi piu' in un brico center che in un negozio di abiti...anche io vedo quella trasmissione in Tv e spesso vorrei fare tutto...ma ce' chi impedisce di farlo...MIO MARITO!! che dici...saro' un'incompresa? ^-^

    RispondiElimina
  2. siamo in molte con questsa malattia..io scopro nuove tecniche ogni giorno... e mi vedo già immersa in duemila progetti, con mille attrezzini nuovi.. che ci vuoi fare? se esiste un aldilà voglio passarlo in un bricocenter creativo.....
    baci
    Clelia

    RispondiElimina
  3. Ciao Carla, il mio ormai è rassegnato; gli parlo dei miei progetti, delle idee che mi vengono e dice "si", ma chissà se ha sentito qualcosa hi hi hi.
    Clelia, effettivamente è una cosa che dilaga, ma io lo auguro a tutti perchè è una bellissima sensazione :)
    Baci.

    RispondiElimina
  4. una malattia che vorrebbero tutti! :P

    RispondiElimina
  5. Già, una gran bella cosa :)))

    RispondiElimina
  6. ahahahah!!!!!!!! anch'io ho questo malattia , mi attira di più una ferramenta che un negozio di abiti. Mi aggiro tra gli scaffali e trovo tutto così...cosìììì...attraente e interessante.
    ciao a presto

    RispondiElimina
  7. Veroooooooo. Appena riesco vi faccio vedere il mio bottino estivo :)))))
    Ciao Miriam.

    RispondiElimina
  8. Già, una malattia molto comune hi hi hi.

    RispondiElimina

Feeds